Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia
1967 - 2017

La volontà di cura prevale sul legame biologico: storica pronuncia in tema di stepchild adoption

Corte d’Appello di Trento, ordinanza del 23 febbraio 2017
(testo allegato)

A due gemelli, nati nell'ambito del progetto di genitorialità realizzato da una coppia omosessuale attraverso la procreazione assistita, vengono applicati per la prima volta i principi enunciati dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 19599/2016. Viene cioè riconosciuto a entrambi il pieno status di genitore, non limitandolo quindi a colui che gode di un legame biologico e genetico con i due bambini.

Significative le riflessioni del giudice di merito che, nell’evidenziare l’assoluta necessità di salvaguardare lo status filiationis, afferma come si debba “escludere che nel nostro ordinamento vi sia un modello di genitorialità esclusivamente fondato sul legame biologico fra il genitore ed il nato; all’opposto deve essere considerata: l’importanza assunta a livello normativo del concetto di responsabilità genitoriale che si manifesta nella consapevole decisione di allevare ed accudire il nato; la favorevole considerazione da parte dell’ordinamento giuridico al progetto di formazione di una famiglia caratterizzata dalla presenza di figli anche indipendentemente dal dato genetico, con la regolamentazione dell’istituto dell’adozione; la possibile assenza di relazione biologica con uno dei genitori (nella specie il padre) per figli nati da tecniche di fecondazione eterologa consentite". 


Allegati:
Figli Adozione Stepchild adoption

Pubblicato martedì 28 febbraio 2017
da
Statuto Statuto Disclaimer Disclaimer Iscriviti Iscriviti
© Tutti i diritti riservati - Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia - Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze.

Il sito CRDF non è una testata: non rappresenta un prodotto editoriale con periodicità regolare poiché viene aggiornato a seconda della disponibilità del materiale.
Il Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia è un centro di studi pertanto non fornisce consulenza.

c/o Studio Legale Avv. Danovi - Via S. Barnaba 32, 20122, Milano - Tel: 02.54673260 - email: segreteria@crdf.it