Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia
1967 - 2017

Divorzio e assegno, la rivoluzione della Cassazione: il nuovo principio

Cass. Civ., sez. I, n. 11504/2017

La sentenza della Cassazione n. 11504/2017, composta da 19 pagine, è un vero e proprio trattato, nel quale si ripercorrono i principi espressi dalla Suprema Corte in materia di diritto all’assegno divorzile. Ma proprio questo lungo percorso porta oggi la Corte a sottolineare che i principi sostenuti negli anni precedenti non sono più attuali. Secondo la pronuncia in commento, infatti, il rapporto matrimoniale con il divorzio si estingue definitivamente non solo sul piano dello status del coniugi, che da allora in poi divengono persone «singole», ma anche nei rapporti economico – patrimoniali. Da ciò deriva che viene meno il reciproco dovere di assistenza morale e materiale.

In questo modo la Suprema Corte di fatto cancella quel dovere di solidarietà discendente dal matrimonio che a suo tempo veniva inteso come un obbligo perdurante anche dopo la fine del matrimonio. Questo «nuovo» principio cardine che informa la sentenza conduce la Corte a una rivisitazione dei requisiti per la concessione dell’assegno divorzile. A tale proposito, il Giudice del divorzio innanzitutto deve fare riferimento al principio dell’autoresponsabilità economica degli ex coniugi quali persone singole. Dunque, bisognerà valutare se il richiedente è nell’impossibilità di procurarsi quanto gli necessita per ragioni oggettive.

La Corte si spinge anche a dettagliare gli indici di valutazione cui deve attenersi il Giudice. In ogni caso il «nuovo» principio generale è che l’assegno di divorzio non è dovuto se il richiedente non versa in una situazione di bisogno.


Allegati:
Divorzio Assegno divorzile Giurisprudenza

Pubblicato giovedì 11 maggio 2017
da
Statuto Statuto Disclaimer Disclaimer Iscriviti Iscriviti
© Tutti i diritti riservati - Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia - Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati, anche mediante link, non sono ufficiali; si declina, pertanto, ogni responsabilità per eventuali inesattezze.

Il sito CRDF non è una testata: non rappresenta un prodotto editoriale con periodicità regolare poiché viene aggiornato a seconda della disponibilità del materiale.
Il Centro per la Riforma del Diritto di Famiglia è un centro di studi pertanto non fornisce consulenza.

c/o Studio Legale Avv. Danovi - Via S. Barnaba 32, 20122, Milano - Tel: 02.54673260 - email: segreteria@crdf.it